I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Progetto S22 - Nog Atelier

Pubblicato martedì 18 febbraio 2020

Nel “triangolo d’oro” che unisce Piazza San Giovanni, Piazza Re di Roma e Piazza Tuscolo si nasconde una Roma meravigliosa fatta di storia antica e moderna che si sovrappone e si interseca; dagli antichi Etruschi che già percorrevano la via Latina fino ai primi impianti del novecento che comprendevano e pianificavano questo quadrante della capitale. E' in questo contesto che nasce il progetto S22 curato dallo studi Nog Atelier.

"Al primo sopralluogo quello che ci è apparso alla vista è stato una struttura fatiscente, snaturata e deturpata da modifiche e superfetazioni che non tenevano conto di quello che, entrando, ancora traspariva dalle finestre; charme, splendore, meraviglia e sogno. Messa in luce la struttura dell'appartamento ne abbiamo esaltato le possenti murature e la geometria delle imponenti aperture combinando in uno stile eclettico colori e materiali al fine di generare un'estetica vergine, attuale, ma dagli antichi rimandi. Abbiamo fatto in modo che le murature e i portali diventassero l'essenza del progetto; il cardine tra le diverse zone e funzioni della casa dividendo la zona d'ingresso dal salone doppio con cucina a vista e l'andito dalla zona notte. I portali e la grande parete vetrata della cucina lasciano spazio alle viste lunghe e trasversali in un gioco di continue scoperte di percezioni romantiche e quasi barocche."

Così raccontano in breve i soci dello studio Nog.
Il nome dall’acronimo occulto nasce nel 2011 a Roma dove inizia l’avventura. Accomunati da una solida esperienza di progettazione eterogenea, Cosimo, Giulia e Luca realizzano e progettano spazi dalla forte carica emotiva, (un po' contro corrente negli anni bui del total white/minimal) dai locali commerciali all’allestimento di mostre, dalla progettazione di massima e di dettaglio alla sola direzione artistica.
La passione sempre crescente per l’artigianato “sperimentale”, il su misura e l’oggetto unico, rendono inevitabile nel 2017 in collaborazione a filo doppio con un maestro restauratore e un’impresa edile dalle grandi capacità decoratorie la creazione del nog atelier; un laboratorio stabile fisicamente presente all’interno dello studio dove si trasforma e si crea per arrivare all’essenza e all’anima degli oggetti “una riserva d’aria dove dare spazio all’idea e alla realizzazione."
Il progetto S22 è una casa progettata per una famiglia di cinque persone dalle diverse esigenze e che necessitano di ampi spazi; senza tralasciare però la cura del dettaglio e la voglia di far apprezzare, a chi ne ha tempo e voglia, le combinazioni inaspettate di materia, colore e tempo.
Per tutti gli ambienti sono stati scelti dei colori tenui, caldi, contemporanei, che nelle diverse situazioni della casa giocano con colori d’accento: l’azzurro, il verde il bordeaux.
Il salone lascia spazio alla commistione tra oggetti, arredi e quadri di epoche diverse per un racconto vellutato e malleabile, dove passato e presente convivono. A dividere la cucina dal salone una grande parete a vetri color bronzo riflettente che lascia conversare i due ambienti in un dialogo pacato e sfumato. Grande attenzione per i soffitti, differenziando per altezze e materiali la cucina dal salotto, colori e materiali differenti in nuance. La base in ferro e il piano pranzo/isola in iroko sono realizzati su misura e si integrano perfettamente alla cucina di Valcucine ricordando quanto l’artigianalità ed il su misura siano aspetti fondamentali per il nog atelier.
Le tre grandi finestre che staccano sul living/cucina aperte sui tetti della città sono arricchite da un’imbotte in legno laccato bianco per accentuare la luce e incorniciare il bellissimo panorama.

“Anche per le stanze da letto abbiamo lavorato sul contrasto dei colori caratterizzandone ognuna in un'unica armonia generale, verde per le bambine amanti delle foto e azzurro per il ragazzo a segnare e dividere solo virtualmente la zona letto da quella studio. La stanza da letto matrimoniale integra un comodino, realizzato su misura, sotto la vecchia finestra del bagno che colloquia con il comodino opposto dai rimandi antichi, un inginocchiatoio in noce della metà del XVIII secolo. La testata del letto ed il letto in sé rappresentano la condivisione della vita e delle scelte dei due proprietari e i due comodini così differenti ne raccontano le anime e i sogni così diversi” racconta Cosimo.

Sempre all’interno della camera padronale un bellissimo armadio, già in possesso della proprietà, viene rivisitato e attualizzato con una laccatura bianca ed una carta da parati della Wall&decò quasi a sembrare tre finestre che si affacciano su un sogno notturno. I tre bagni che completano la casa assieme alla lavanderia sono caldi ma minimali, attenzione al più piccolo, generato da un solo lungo specchio che riflette una carta da parati sulla parete opposta, della Inkiostro Bianco, a dilatare lo spazio dedicato così ridotto.
Il fil rouge progetto S22 è stato realizzato seguendo un'unica filosofia complessa ma lineare, che parla di interno ed esterno, di antico e moderno “di realtà e sogno”.
Tutti i termoarredo utilizzati sono firmati Cordivari: per le zone living e notte sono stati scelti i tubolari Ardesia, modello dalle ottime performance e dall’ampia flessibilità dimensionale, mentre per l’ambiente bagno sono stati scelti scaldasalviette cromati.

Progetto S22 - Nog Atelier